Quando NON si consiglia il Massaggio

Leggiamo spesso dei vari benefici del massaggio e dei vari trattamenti olistici in generale. Non ci sono effettivamente particolari controindicazioni nel sottoporsi ad un trattamento olistico, a meno di non avere già patologie importanti.
In linea generale è meglio evitare di farsi trattare se siamo in uno stadio influenzale, in casi di stati infiammatori più o meno forti di un apparato (osseo-muscolare, respiratorio, ecc.).
Anche in caso di patologie importanti ci si può sottoporre ad un trattamento salvo consulenza medica facendosi rilasciare un adeguato certificato.
Un altra situazione è per la donna in stato di gravidanza, anche qui occorre il parere medico e relativo certificato.
In ogni caso, più o meno importante, muniti di relativo certificato medico, assicuratevi anche che l’operatore a cui vi affidate (se non è egli stesso un operatore sanitario) abbia già trattato persone nello stesso stato.

Riassumendo questi sono alcuni casi in cui occorrono determinati accorgimenti prima di farsi trattare:

  • Stadi influenzali e infiammatori, stiramenti, strappi
  • Stato di gravidanza
  • Diabete
  • Epilessia
  • Poliomielite
  • Fibromialgia
  • Sciatica
  • Tumore

Ricordo che la cosiddetta medicina alternativa (trattamenti olistici, massaggi, riflessologia, naturopatia, medicina tradizionale cinese) non sostituisce la medicina ufficiale allopatica, ma può lavorare in sinergia con essa per riportare al normale riequilibrio energetico della persona.

Francesco Tartaglini

Moxa

La Moxa (o moxibustione) è un trattamento orientale basato sulla Medicina Tradizionale Cinese (comunemente denominata MTC). Nella MTC la caratteristica più importante è la visione del ricevente, del quale si inquadra l’aspetto dell’ “energia interiore” effettuando una valutazione energetica. Difatti, come negli altri trattamenti della MTC, la malattia è vista come una sorta di “mancanza d’equilibrio nelle energie” (concetto scientificamente non meglio specificato, ma comunque riconosciuto dalla medicina moderna); la causa di questi squilibri è varia, tradizionalmente sono indicate cause “esterne” (fattori climatici), “interne” (stati psico-emotivi) e “né interne, né esterne” (stile di vita, alimentazione).Le presunte “energie” dell’uomo, secondo la MTC scorrono entro alcuni ipotetici “percorsi preferenziali”, denominati canali energetici, o Meridiani. Sono descritti diversi tipi di Meridiani e ognuno di essi veicolerebbe, secondo la tradizione, uno o più tipi di energia, ma i più noti ed utilizzati sono i Canali Principali. Ogni meridiano può essere visto anche come una linea che unisce dei punti, gli stessi punti che vengono utilizzati in Agopuntura.Comunemente viene utilizzato un sigaro di Artemisia (nota pianta dalle proprietà antisettiche e sedative), che bruciando emana un calore diretto in determinati punti del corpo per sbloccarne l’energia.Molto utile per sindromi da raffreddamento e per calmare stati di infiammazione.

I Fiori di Bach

“Per la maggior parte degli ultimi duemila anni la civiltà occidentale ha attraversato una fase di spiccato materialismo, e il riconoscimento del lato spirituale della nostra natura e della nostra vita ha perso molto terreno nella mentalità corrente; i beni terreni, l’ambizione, il desiderio e la sensualità prevalgono sui valori autentici della vita. Il vero motivo dell’esistenza dell’uomo sulla terra è stato messo in ombra dalla paura di non ricavare dalla sua incarnazione altro che un guadagno terreno. … La vera natura dell’Io Superiore, indipendente dal presente, ha avuto ben poco peso per noi, invece di guidare e stimolare ogni nostra azione. Al contrario, abbiamo evitato i compiti importanti e cercato di rendere la vita il più possibile comoda, scacciando dalla nostra mente ogni pensiero ultraterreno e abbandonandoci alle comodità terrene, così da renderci inabili a compiere le prove difficili che ci sono riservate. Ecco perché in questo secolo la posizione professionale, lo stato sociale, il benessere e i beni terreni sono diventati lo scopo principale.”

da I fiori che guariscono l’anima – Edward Bach

Provateli!!!

ST 36 Zusali. Un agopunto di fondamentale importanza

Il suo nome cinese “Zu San Li” significa “Tre miglia (o tre distanze) sulla gamba”. ). Il termine “Zu” si riferisce, infatti, ai piedi, ad indicare che il punto è sulla parte del meridiano Yangming dello Stomaco che decorre al piede. “San li” (tre distanze) indica, appunto, che il punto è tre cun sotto il ginocchio.

Il nome di questo agopunto, quindi ci ricorda la sua posizione (3 cun = 4 dita sotto il ginocchio), ma anche l’abitudine degli antichi viaggiatori ad autotrattarlo regolarmente contro la stanchezza delle gambe. Si dice addirittura che anticamente gli eserciti, durante gli spostamenti di truppe a marce forzate, facessero una sosta ogni 3 miglia (circa 5 chilometri) per rifocillarsi e trattare questo importante agopunto

Nella letteratura cinese ma anche in quella giapponese si trovano numerose citazioni di ST 36.

Ad esempio, si legge nel diario di Matsuo Basho Haiku (1689): “…ho cucito una parte della mia biancheria strappata. Ho cambiato le corde del mio cappello. Ho bruciato con la moxa il mio Stomaco 36. La mia mente è ora totalmente occupata con la luna sulle isole Matsushima…”. Era pronto per una lunga passeggiata di 1.500 miglia dopo la moxibustione su ST36.

Anche anticamente, quindi, era ben noto che la moxibustione su ST 36 ha l’effetto di accelerare il recupero dalla fatica.

Zusanli è uno dei punti più importanti dell’agopuntura cinese. Nel Nei Jing Su Wen i punti di Zusanli sono indicati come due (bilaterali, uno per gamba) dei punti fondamentali per eliminare il calore dello stomaco. Zusanli è, inoltre, menzionato anche come trattamento per il dolore al ginocchio e viene citato in molti classici come punto da trattare nei casi di nevrosi, insieme all’altrettanto famoso punto PC 6 Neiguan. Molto importante anche il suo impiego per rafforzare le difese immunitarie dell’organismo sia negli stati di debilitazione e convalescenza che per prevenzione dei contagi (influenza e virus in genere).

Laura Vanni