Moxa

La Moxa (o moxibustione) è un trattamento orientale basato sulla Medicina Tradizionale Cinese (comunemente denominata MTC). Nella MTC la caratteristica più importante è la visione del ricevente, del quale si inquadra l’aspetto dell’ “energia interiore” effettuando una valutazione energetica. Difatti, come negli altri trattamenti della MTC, la malattia è vista come una sorta di “mancanza d’equilibrio nelle energie” (concetto scientificamente non meglio specificato, ma comunque riconosciuto dalla medicina moderna); la causa di questi squilibri è varia, tradizionalmente sono indicate cause “esterne” (fattori climatici), “interne” (stati psico-emotivi) e “né interne, né esterne” (stile di vita, alimentazione).Le presunte “energie” dell’uomo, secondo la MTC scorrono entro alcuni ipotetici “percorsi preferenziali”, denominati canali energetici, o Meridiani. Sono descritti diversi tipi di Meridiani e ognuno di essi veicolerebbe, secondo la tradizione, uno o più tipi di energia, ma i più noti ed utilizzati sono i Canali Principali. Ogni meridiano può essere visto anche come una linea che unisce dei punti, gli stessi punti che vengono utilizzati in Agopuntura.Comunemente viene utilizzato un sigaro di Artemisia (nota pianta dalle proprietà antisettiche e sedative), che bruciando emana un calore diretto in determinati punti del corpo per sbloccarne l’energia.Molto utile per sindromi da raffreddamento e per calmare stati di infiammazione.

Il massaggio cinese Tuina, simile all’agopuntura

Le discipline orientali, soprattutto quelle che concernono i massaggi sono dei veri e propri fenomeni di moda e tendenza. Questo non significa, però, che si debba andare a screditare la loro reale efficacia. Nell’ambito del benessere e del rilassamento, i massaggi cinesi sono di quanto meglio ci possa essere, molto più salutari di pasticche per placare l’ansia!

Tra i massaggi più famosi c’è sicuramente lo Shiatsu, ma l’ultimo, in ordine di tempo, che ha acquisito importanza e notorietà è il massaggio Tuina, direttamente dalla Cina, che pare abbia le stesse virtù benefiche dell’agopuntura.

Il concetto d’azione è lo stesso, il Tuina, infatti, agisce sui meridiani esattamente come nell’agopuntura, usando però le dita anzichè gli aghi.

E’ molto indicato per chi soffre di dolori cronici o per sciogliere contratture muscolari.

Purtroppo in Italia non è ancora molto diffuso, e sono pochi i centri dove è possibile godere di un massaggio Tuina, ma lentamente sta prendendo sempre più piede.

Una seduta dura circa 50 minuti ed ha un costo approssimativo di 60 euro, ma è anche possibile l’automassaggio, andando a sfiorare i giusti punti di collo e spalle, anche da soli, si possono ottenere interessanti risultati benefici.

Un fastidioso cerchio alla testa vi rende gli occhi pesanti? Provate a chiuderli, poggiate la testa su di un sostegno e andate a comprimere con i pollici, la fronte appena sopra le arcate sopraccigliari. Tenete la pressione per 3 secondi e poi rilasciatela gradatamente lasciando scivolare le dita di lato, fino alle tempie.

Con una storia millenaria alle spalle, il Tuina, Massaggio Tradizionale Terapeutico Cinese, sta avendo ora un vero e proprio boom di “adepti” anche qui in Italia.

Annoverato tra le prime tecniche di cura delle malattie, il Tuina si appoggia sulle stesse basi teoriche di alcune pratiche della Medicina tradizionale cinese come l’agopuntura, la fitoterapia cinese, la dietetica medica e il Qi Gong, è tuttavia da considerarsi una disciplina a sè stante, infatti chi la pratica interviene sul corpo tramite l’attivazione della cosiddetta Energia Difensiva o Wei Qi, manipolando e stimolando la cute per ristabilire un flusso armonico sia del sangue che dell’energia vitale.

Il Tuina, in Occidente, viene affiancato ai normali metodi di cura ed è utilizzato soprattutto per i disturbi dell’apparato muscolo-scheletrico, in quelle dell’apparato gastro-intestinale e in casi di ansia come attacchi di panico, insonnia e cefalee.

Gli strumenti dell’operatore Tuina sono essenzialmente le mani, le dita e i gomiti, mentre diverse sono le tecniche manuali usate per eseguire il massaggio di queste molte possono essere personalizzate dall’operatore stesso.

Riassumendo le manipolazione fondamentali sono:

  • Spinta, si esegue con le dita e con il palmo, ottima contro il mal di testa, mal di shiena, dolori muscolari e articolari e per stimolare la circolazione sanguigna.
  • Pressione con il pollice o il palmo della mano, va e sedare il dolore e rilassa i muscoli.
  • Presa, coadiuvante nel trattamento di torcicollo.
  • Frizione, stimola la circolazione e l’energia, regola l’intestino e ha un effetto riscaldante.
  • Sfioramento con una serie di movimenti circolari serve a trattare la zona toracica e addominale.
  • Percussione fatta con il palmo o con il pugno, ottimo per combattere dolori muscolari e disturbi reumatici.
  • Vibrazione energica, va ad attivare la circolazione sanguigna e le funzioni di diversi organi.
  • Stiramento, coadiuvante nel trattamento per sciogliere le articolazioni.
  • Trazione, indicata per i problemi alle articolazioni.

Fonte: www.yourself.it